Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Thrive Leads è lo strumento che utilizzo su tutti i miei siti per catturare email su WordPress. Il suo set di funzionalità esteso e in continua espansione e lo contraddistingue per la flessibilità e le prestazioni. Anche se per essere onesti, non è privo di difetti. In questa recensione approfondita, ti mostrerò tutte le funzionalità che Thrive Leads offre attualmente e ti spiegherò come lo uso io.

Sentivo sempre dire: “I soldi sono nella tua lista e-mail”. Ma fino a poco tempo fa non capivo quanto fosse importante.

Per un po ‘di tempo su uno dei miei siti di affiliazione stavo utilizzato OptinMonster per catturare email su WordPress. Tuttavia, è diventato davvero pieno di bug quando hanno rilasciato la versione 3.0. Tanto che ha persino creato problemi gravi un paio di volte.

Inoltre, i test A/B non funzionavano con la memorizzazione nella cache e c'erano solo 3 modelli che sembravano quasi decenti. Hanno lasciato cadere la palla in modo massiccio e quindi ho iniziato a cercare un'alternativa migliore.

Ho riconosciuto fin da subito che c'era un'enorme opportunità nel far funzionare la raccolta contatti sui mie siti, ma fino a questo punto avevo fatto fatica a implementare un sistema valido.

A un certo punto ho scoperto Thrive Leads tramite una mia ricerca online sui strumenti che usavano gli altri blogger come me. Dopo vari approfondimenti ho deciso di acquistare Thrive Leads e impegnarmi di più nel configurare un sistema per catturare email su tutti i miei siti.

Da allora, ogni volta che ho trascorso del tempo a ottimizzare e testare i moduli optin, ho visto una crescita molto costante. Mentre ci sono stati diversi periodi in cui ho trascurato le ottimizzazioni, negli ultimi due mesi ho migliorato di parecchio la capacità di catturare email su WordPress e sui miei siti.

Sappi pero che Thrive Leads non è assolutamente perfetto.

La generazione dei rapporti richiede tanto tempo! Tuttavia, posso perdonare questo problema visto che sembrano essere abbastanza bravi nell'aggiungere nuove funzionalità.

L'anno scorso hanno aggiunto altri tipi di moduli optin, incluso il tipo Screen Filler Lightbox. Mi piace il fatto che stiano al passo con le nuove idee e questi nuovi modelli mi hanno aiutato ad aumentare il tasso di conversione in modo abbastanza significativo quando sono stati rilasciati.

Più di recente, Thrive Leads ha aggiunto una funzione chiamata Asset Delivery. Ne parlerò molto più avanti in questa recensione, ma mi ha permesso di eliminare completamente LeadPages, risparmiando circa $ 588 all'anno nel processo.

A questo punto, non riesco davvero a immaginare di iniziare un sito senza Thrive Leads. Ciò è particolarmente vero considerando quello che l'email marketing ha fatto recentemente per le mie attività.

Che cos'e Thrive Leads?

Thrive Leads e un plugin WordPress che ti permette di creare optin ad alta conversione con ZERO abilità di progettazione

Faccio davvero schifo come designer!

Non è che non posso usare Photoshop, è che il mio cervello sembra incapace di distinguere un buon design da un cattivo design (deve essere davvero terribile prima che io lo sappia). Thrive Leads ha lo stesso editor drag and drop presente in Thrive Architect .

Non ti trasformerà magicamente in un mago del design. Ma, combinato con i loro modelli, ti consentirà di creare rapidamente e facilmente moduli optin ad alta conversione. E così anche senza competenze di progettazione o con un terribile senso del design come me, puoi ancora creare optin che funzionano.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020
Interfaccia del editore drag&drop di Thrive Leads

La differenza chiave di Thrive Leads rispetto ai concorrenti è che ti dà molto più controllo e flessibilità sul design. SumoMe per esempio ti consente solo di modificare alcuni campi di testo, quindi le tue optin finiscono per apparire uguali a molti altri siti.

Ci sono diversi tipi di moduli option e ogni tipo ha diversi modelli disponibili:

Come ho detto, sono abbastanza bravi nell'aggiungere nuovi tipi di moduli e nel mantenere le cose aggiornate. Anche se la gamma di modelli potrebbe essere sicuramente più ampia. E non descriverei esattamente i modelli di base come “bellissimi”.

Ho scoperto che il tipo Screen Filler Lightbox o Lightbox funzionano bene sui miei siti, quindi sono un buon punto di partenza.

Un plugin WordPress che ti permette di eseguire test A/B fra i tuoi optin cosi puoi continuare a migliorarli e catturare email su WordPress come un professionista.

Sebbene Thrive Leads non sia perfetto, una delle aree in cui funziona molto bene è sui test A/B. 

Considerando il prezzo economico una tantum di Thrive Leads, è davvero una bella caratteristica. Anche il plugin “gratuito” SumoMe ti consente di eseguire test A/B ma solo dopo aver speso $ 40 al mese.

Poiché Thrive Leads utilizza il proprio editor di contenuti drag and drop, è abbastanza facile progettare visivamente e rapidamente nuove versioni dei tuoi optin. Ciò significa che puoi sempre testare diverse versioni una contro l'altra.

Questo test con 4 nuove versioni ha richiesto solo pochi minuti per essere progettato e lanciato:

Thrive Leads Test A/B
Thrive Leads test A/B

Mentre fare dei test A/B su formulari diversi tra loro non è rivoluzionario, è fantastico poterlo fare a un prezzo così basso (e senza ulteriori pagamenti ricorrenti). E questo non e tutto, Thrive Leads porta i test A/B ad un passo più in avanti rispetto ai suoi concorrenti.

Ti consente di testare diversi tipi di moduli uno contro l'altro. Quindi potresti verificare chi tra un LightBox e un Scroll Mat funziona meglio e porta più iscritti alla tua lista email.

Ad oggi, nessun altro lo fa e io l'ho trovato molto utile.

Le funzionalità esclusive di Thrive Leads

Ci sono alcune funzionalità in Thrive Leads che non sapevo nemmeno esistessero fino a pochi mesi fa. Non penso che la maggior parte delle persone stia utilizzando tutte le funzionalità, ma vale la pena esplorarle perché ci sono alcune funzionalità che ti permettono di essere più efficiente nel catturare email su WordPress.

Qui di seguito faro un elenco delle funzionalità avanzate che Thrive Leads ha e che i suoi competitori non hanno. Più avanti andrò a parlare di ognuna di queste funzionalità più in dettaglio.

Signup Segue

Signup Segue consente di creare collegamenti di registrazione con un clic. Più avanti in questa recensione, ti mostrerò come alcuni utenti la usano per fornire ai loro affiliati collegamenti di iscrizione con un clic per la iscrizione a un webinar, collegamenti che gli affiliati possono inviare ai loro elenchi e generare tanti altri iscritti e vendite extra.

Assets Delivery

Un'altra caratteristica interessante è Assets Delivery che ci consente di avere più moduli optin (ognuno con il suo lead magnet) per aggiungere persone allo stesso elenco. Senza Thrive Leads, ciò richiede la creazione di molte automazioni all'interno del tuo autorisponditore.

Smart Links

Essere aggressivi con i tuoi moduli optin è una buona idea, pero dopo un po diventano fastidiosi per i tuoi abbonati esistenti che vengono ancora bombardati da pop-up e moduli optin. I Smart Links consentono di rimuovere gli optin per chi e già iscritto. E anche possibile mostrare loro offerte alternative come un CTA per acquistare un tuo prodotto. Tutto questo e veramente meraviglioso.

Rapporto Sul Marketing Dei Contenuti

E poi c'è il rapporto sul marketing dei contenuti. Ci consente di vedere quali post specifici ottengono basse percentuali di conversione. Utilizziamo queste informazioni per creare un optin più personalizzato per quel determinato articolo. Solo una parola di avvertimento, questo rapporto richiede un po tempo per essere caricato, quindi preparati ad aspettare un po.

Quali sono alcune alternative a Thrive Leads

Ora, prima di iniziare, diamo un'occhiata alle alternative a Thrive Leads nella stessa fascia di prezzo.

Sumo Me

SumoMe è un ottimo punto di partenza se hai appena iniziato poiché la versione di base è completamente gratuita. Anche se ha alcune filigrane / marchi che devi pagare per rimuovere. E i test A/B sono disponibili solo quando passi al piano pro. Considerando che Thrive Leads è un pagamento una tantum di $ 67, SumoMe inizia a diventare molto costoso abbastanza in fretta.

SumoMe
(da gratuito a $ 49 se paghi mese per mese senno $ 39 pero devi pagare per 12 mesi in anticipo)

Optin Monster

Optin Monster parte da $ 9 al mese. Manca un builder drag and drop e ho scoperto che i loro test A/B non erano molto corretti. Ha persino abbattuto il mio sito alcune volte.

Onestamente, nella mia esperienza, e stato uno dei peggiori plugin per catturare email su WordPress (almeno quando lo stavo usando io era cosi) e non c'è una sola cosa che fanno al momento meglio di Thrive Leads.

Optin Monster
(da $ 9 / mese a $ 49 / mese)

LeadPages

LeadPages è molto più focalizzato sulle landing page, rispetto ai moduli optin. Sono molto bravi e i loro modelli di landing page sono fantastici. Tuttavia, i loro modelli di modulo optin sono un po ‘carenti e in realtà non fanno nulla che Thrive Leads non faccia.

Nonostante ciò, i loro prezzi partono da $ 25 al mese. E anche questo con un impegno annuale e senza test A / B.

LeadPages
(da $ 25 / mese a $ 199 / mese se paghi annualmente senno i prezzi sono ancora più alti)

Thrive Leads

Thrive lead è molto più economico dei suoi concorrenti a $ 67 una tantum per una licenza per un singolo sito. Ha un design flessibile, test A/B più avanzati, consegna del lead magnet, logica di visualizzazione per gli iscritti e funzionalità di registrazione con un clic.

Thrive Leads
(da $ 67 a $ 97 un prezzo unico)

Come ottenere risultati da Thrive Leads

Probabilmente è ovvio, ma lo dirò comunque: hai bisogno di un blog o un sito web. Thrive Leads è un plugin per WordPress, quindi avrai bisogno di un'installazione WordPress ospitata autonomamente, scopri di più sul come installare WordPress, e come creare un blog WordPress.

Oltre ad avere un sito o un blog WordPress questo dovrebbe anche avere un bel po di traffico. Fondamentalmente stai mirando a convertire una percentuale del tuo traffico in iscrizioni e-mail. Dipende molto dal tuo mercato, ma la maggior parte delle nicchie può aspettarsi tassi di conversione da qualche parte tra l'1 e il 10% del traffico registrato. Il marketing online tende ad essere un po ‘più alto e alcune altre nicchie b2b sono addirittura superiori al 50%.

Se vendi oggetti costosi, un cliente vale molto per te, quindi ne varrà la pena di raccogliere e-mail prima piuttosto che dopo. Come regola generale, probabilmente non vuoi investire in Thrive Leads finché non raggiungi circa 200 visitatori al giorno .

Usa un sistema gratuito per catturare email su WordPress. Non avrai bisogno delle funzionalità avanzate di Thrive Leads finché non avrai comunque una discreta quantità di traffico.

Infine, hai bisogno di un modo per monetizzare via email. Sembra ovvio, vero? Bene, non tutte le aziende hanno questo. Immagina se sei un idraulico. Può essere difficile monetizzare via email poiché i clienti in genere sono alla ricerca di una soluzione immediata. 

Non preoccuparti troppo se non hai ancora offerte di affiliazione o prodotti da vendere via email. Puoi sempre guadagnare inviando contenuti alla tua lista e aggiungere le offerte in futuro di solito non è troppo difficile.

Come fare se non hai mai raccolto email

Se non hai ancora raccolto email e hai appena iniziato a utilizzare Thrive Leads, ti consiglio un approccio semplice. Inizia con un optin Screen Filler Lightbox o Lightbox su tutto il sito. Scegli un modello e modificalo con il tuo logo / colori.

Una volta fatto imposta un test A/B con diverse versioni del optin. La prima cosa che vuoi testare sono diversi argomenti sui lead magnet.

Supponi di avere un blog sul DJing. Puoi iniziare testando questi 4 argomenti:

  1. La guida definitiva all'acquisto di un controller DJ nel 2020
  2. Free Music Cheat sheet: luoghi segreti per ottenere gratis musica legale come DJ
  3. I 5 errori che fanno tutti i DJ principianti e come evitarli
  4. Come iniziare a fare il DJ in 20 minuti: la guida passo dopo passo

In realtà non devi ancora fare nessuno di questi rapporti da offrire come lead magnet. Puoi semplicemente mettere una pagina di ringraziamento che dice qualcosa come “Stiamo dando gli ultimi ritocchi a questo rapporto. Ti invieremo un'email non appena sarà pronto ”.

Non preoccuparti, nessuno perde il sonno per non aver ricevuto il tuo rapporto.

Quello che fai allora è usare questo test iniziale per determinare qual è il argomento più popolare. Da lì, è possibile creare il report e continuare a ottimizzare ulteriormente il tuo modulo optin cambiando titoli, colori e altri elementi.

I test sui argomenti ti consentiranno di ottenere tassi di conversione più elevati più rapidamente di qualsiasi altro tipo di test. È la cosa più importante da fare quando si inizia a raccogliere email dal tuo sito.

Come fare se stai già raccogliendo email con altri metodi

I gruppi di lead sono un modo semplice per controllare quali moduli optin sono visualizzati su post, pagine, categorie, tag specifici, ecc.

Inizia impostando i gruppi di lead e scegli come target le sottosezioni o le categorie del tuo sito. Ad esempio qui su tuttowp.it ho un lead group per ogni singola categoria del blog. Questo mi permette di avere dei optin con lead magnet migliori e non generalizzati.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020
I vari lead group che abbiamo qui su tuttowp.it

Suddivi il tuo sito in sezioni e inizia a lavorare su ogni singola sezione (questo presuppone che tu abbia un traffico ragionevole). 

Inizia a testare diversi tipi di popup uno contro l'altro. Inizia con Screen Filler Lightbox vs Slide In vs Scroll Mat vs Lightbox. Abilita le impostazioni automatiche del vincitore, in modo da non lasciare accidentalmente test troppo lunghi.

Chi non dovrebbe usare Thrive Leads?

Se non hai molto traffico, puoi facilmente utilizzare la versione gratuita di SumoMe per acquisire lead. Non perdere tempo con complicate segmentazioni e test fino a quando non hai più di 200 visite al giorno.

I siti in cui i clienti richiedono soluzioni immediate tendono a non aver bisogno di tali optin avanzati (pensate: idraulici di emergenza). Questi tipi di siti possono invece utilizzare semplici moduli di contatto.

Alcuni siti affiliati, in particolare i siti affiliati “sottili” (dove ci sono solo un sacco di recensioni incentrate sulle parole chiave e non molto altro) non ne hanno davvero bisogno.

Ho visto alcuni di questi siti utilizzare Thrive Leads per offrire popup intelligenti con intento di uscita con link di affiliazione, quindi potrebbe essere un'opzione se il tuo sito è abbastanza grande in quel caso.

Vediamo come funziona Thrive Leads più in dettaglio

Eseguirò i passaggi per creare il tuo primo modulo di optin in modo che tu possa avere un'idea di come funziona. Successivamente, tratterò le opzioni avanzate di targeting e parlerò dei test A/B. 

Alla fine, ti mostrerò come utilizzare alcune delle funzionalità più avanzate (che purtroppo non sono così intuitive da usare senza una sorta di spiegazione).

Come creare il tuo primo modulo optin con Thrive Leads

Sono necessari un totale di 15 clic e 2 minuti per configurare il tuo primo optin e iniziare a catturare email su WordPress e sul tuo blog o sito web. Non aspettarti numeri folli al tuo primo tentativo, poiché dovrai testare molte cose nel tempo prima di poter davvero avere dei buoni risultati.

Detto questo possiamo iniziare, ovviamente se non hai già acquistato e installato il plugin Thrive Leads non potrai seguire questo tutorial sul come creare il tuo primo modulo optin.

Vai nella bacheca di amministrazione di WordPress poi Thrive Dashboard > Thrive Leads per vedere la pagina principale del plugin. Sarà simile a quella che vedi nella foto qui sotto:

Elenco di attivazione di Thrive Leads

Innanzitutto, dovrai creare un Lead Group. Per spiegarlo in poche parole un Lead Group e un gruppo di moduli che vengono mostrati in base a delle regole. E saranno mostrati soltanto seguendo quelle regole.

Ora clicca Add New accanto a Lead Groups per iniziare. Una volta cliccato ti si aprirà un popup dove dovrai inserire il nome del Lead Group poi cliccare il tasto Add Lead Group. Dopo qualche istante vedrai questo:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Dovrai cliccare sul icona a forma di ingranaggio che vedi indicata dalla freccia per impostare il modo in quale i moduli opt-in di questo lead group vengono mostrati sul tuo sito.

Nel mio caso sceglierò semplicemente la categoria Temi per WordPress del mio blog, in questo modo questi moduli saranno mostrati soltanto sugli articoli dentro quella categoria.

Ovviamente quando hai fatto le tue scelte devi cliccare il tasto verde Save & Close indicato dalla freccia con il numero 3.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Il primo passo e stato fatto. Ora bisogna scegliere il tipo di modulo optin da utilizzare. Dovrai cliccare il tasto blu con scritto Add new type of optin form come vedi nel immagine qui sotto:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Suggerimento Pro: Di solito è meglio iniziare con un modulo optin Screen Filler Lightbox. Questo tipo di modulo di solito ha convertito molto bene su tutti i miei siti. Non sono altrettanto belli per l'esperienza dell'utente, pero convertono meglio i visitatori in iscritti alla lista email. Per crescere, dovrai spesso sacrificare un po ‘di UX per acquisire più email.

Una volta cliccato ti saranno presentati i vari tipi di moduli, scegli Screen Filler.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Ora il tuo tipo di modulo verrà creato e sarà aggiunto al tuo Lead Group. Vedrai questo:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Dovrai cliccare il piccolo tasto Add segnalato dalla freccia per aggiungere finalmente un vero modulo optin. Sarai portato sulla pagina dedicata ai moduli option per il tipo di modulo (screen filler scelto prima). Dovrai cliccare il tasto blu Create Form come vedi nella foto qui sotto per continuare.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Una volta cliccato ti sarà chiesto di dare un nome, il mio consiglio e di darli un nome che ti faccia capire subito che si tratti di un modulo o del altro. Quando arrivi ad averne più moduli sarà più facile gestire le cose. Nel mio esempio l'ho chiamato screenfiller-rosso-v1. Una volta aggiunto vedrai questo:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Prima di scegliere il design, è possibile controllare le opzioni relative ai trigger di visualizzazione (freccia 1), alla frequenza di visualizzazione (freccia 2) e all'animazione (freccia 3). È possibile, ovviamente, lasciarli alle impostazioni predefinite e modificarli in seguito, se lo si desidera.

Trigger (ciò che scatta la visualizzazione del modulo optin)

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Il trigger è l'evento che attiva il modulo optin da visualizzare. Puoi scegliere tra:

  • Show on page load  – Visualizza immediatamente al caricamento della pagina
  • Show after a certain period of time – Mostra dopo un certo numero di secondi (0 – 100 secondi)
  • Show when the user scrolls to a specific part of the page : viene visualizzato quando l'utente raggiunge una Classe o ID definito all'interno del contenuto
  • Show when the user scrolls to a percentage of the way down the page – Viene visualizzato quando l'utente vede una determinata percentuale della pagina (0% – 100%)
  • Show when the user is about to exit the page (exit intent) – Viene visualizzato quando il cursore del mouse si sposta verso il pulsante X per chiudere la scheda (funziona su solo desktop)

Thrive Leads ha due funzioni davvero interessanti che rendono questo targeting ancora più potente: SmartExit e SmartExit +.

Su molti siti e blog il traffico e in grande parte da dispositivi mobile. E la cosa con gli utenti mobile è che l'intenzione di uscita non funziona per loro poiché non c'è cursore sui touchscreen e neanche il tasto X. SmartExit consente di utilizzare l'intento di uscita per gli utenti desktop e la visualizzazione a tempo per gli utenti mobili.

SmartExit+ funziona su uno dei 3 trigger temporizzati (tempo, percentuale o parte specifica). Se un utente desktop tenta di uscire prima del raggiungimento di questo trigger, l'optin verrà visualizzato come se l'intento di uscita fosse abilitato.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Sebbene non utilizziamo queste funzionalità così spesso poiché riteniamo che la visualizzazione degli optin al caricamento della pagina funzioni meglio, mi piace molto che queste due funzioni siano incluse. Ti mostra che Thrive Leads è un prodotto molto ben pensato.

Display Frequency (la frequenza con quale viene visualizzato il optin)

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Questa impostazione ti permette di decidere dopo quanto tempo un visitatore che ha già visto il tuo optin vedrà di nuovo lo stesso optin.

Nel caso della foto qui sopra lo stesso visitatore vedrà di nuovo il tuo modulo dopo 1 giorno (24 ore). Per tutte le visite che farà nelle 24 ore successive alla prima volta che ha visto il modulo non vedrà più il tuo modulo optin.

Animazione (l'animazione che viene usata per mostrare il optin)

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

L'animazione e semplicemente il modo con il quale viene visualizzato ci sono varie opzioni fra le quali scegliere e quali dovresti testare. Personalmente non ho ancora testato a fondo le animazioni tramite gli A/B test ma resta sicuro che lo farò e aggiungerò i risultati qui.

Detto questo passiamo alle cose serie.

Modelli

Ora sei pronto per progettare la tua prima optin. Sulla stessa schermata dove hai impostato il trigger e la frequenza ci sono anche altri tasti. Per procedere dovrai cliccare il tasto a forma di penna come vedi nel immagine qui sotto:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Li altri tasti sono per duplicare un modulo (quello viola), per resettare le statistiche (quello giallo) e per archiviare e eliminare (quello verde). Ora torniamo ai modelli.

Una volta che hai cliccato il tasto indicato dalla freccia rossa sarai portato su una pagina dove potrai scegliere il modello del tuo modulo optin, modello che potrai personalizzare a tuo piacimento ovviamente.

Thrive viene fornito con una quantità ragionevole di modelli che sono stati testati per la conversione su molti siti. Sono un po ‘poco interessanti all'inizio, quindi sicuramente vorrai personalizzarli usando l'editor integrato.

Questa è la selezione di modelli per Screen Filler Lightbox. Non è troppo difficile farli sembrare belli, anche per qualcuno con una scarsa capacità di progettazione come la mia.

Modelli di riempimento schermo Thrive Leads

Voglio anche sottolineare che non è ciò che sembra buono, è ciò che converte che conta con i moduli optin. Esistono due tipi di modulo per ogni tipo. Passo singolo e passo multiplo.

Ecco un modulo optin a passo singolo

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Un optin a passo singolo e quello in cui un utente visualizza un modulo optin e deve solo inserire le proprie informazioni su quello stesso modulo. Con un solo clic, l'utente sarà ora nella tua lista e-mail.

Ecco un modulo a passo multiplo

Thrive conduce la Multi Step Optin

Quando clicchi sul pulsante ti viene mostrato il vero modulo optin.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Gli optin Multi Step sono piuttosto interessanti perché ti consentono anche di porre domande principali. Ad esempio, potresti chiedere “Vuoi perdere peso?” E presentare due opzioni:

  1. Un bel pulsante verde che dice “sì”
  2. Un pulsante rosso che dice “no, sto bene con il sovrappeso”.

Nessuno vuole fare clic sul secondo pulsante, quindi puoi davvero aumentare le conversioni con questo.

Suggerimento Pro: Mentre ti consiglio di mantenere le cose semplici all'inizio e complicarle in seguito, Thrive Leads ti consente di creare optin con più passaggi cosi lasci i tuoi visitatori a fare la scelta se la loro risposta sul primo passo del tuo optin e positiva saranno portati al secondo passo dove devono inserire la loro mail per ricevere ciò che hai promesso.

Come modificare un modulo Optin con Thrive Leads

Thrive Leads utilizza lo stesso editor visivo di Thrive Architect per consentirti di modificare i moduli optin senza codice. La UX non è sicuramente a livello di Apple, ma recentemente è migliorata parecchio.

Questo tipo di editor visivo con trascinamento della selezione è noto come un editor che visualizza ciò che modifichi (WYSIWYG). Mentre sono sempre stato in grado di fare quello che volevo, a volte può essere un po ‘goffo. 

Ad esempio, quando si hanno più oggetti vicini l'uno all'altro, a volte può essere una seccatura selezionare l'oggetto giusto da modificare.

Thrive Leads Editor Drag & Drop

Per la maggior parte delle idee, è relativamente semplice e veloce apportare qualsiasi modifica di progettazione che desideri apportare.

Sono disponibili tutti gli elementi e le opzioni ovvi. Ciò include elementi come testo, immagini, margini, spaziatura e pulsanti. 

Ma hai anche accesso a tutta la gamma di opzioni del Thrive Content Builder.

Una delle mie opzioni preferite è il timer per il conto alla rovescia. Ciò consente di visualizzare un tempo che conta alla rovescia dal tempo impostato fino a 0. Volendo una volta che raggiunge il 0 si puo far ripartire in automatico semplicemente selezionando la opzione nella impostazioni del blocco.

È un ottimo modo per aggiungere un po ‘di scarsità al tuo modulo optin e la maggior parte delle volte migliorerà i tassi di conversione (assicurati di testarlo).

Thrive Leads Countdown Timer Opzioni sempreverdi

Gli utenti esperti di tecnologia saranno inoltre lieti di apprendere che possono aggiungere HTML e CSS personalizzati ai modelli per un controllo esteso sui layout. Ma onestamente, questo non è solitamente necessario poiché l'editor WYWIWYG è abbastanza potente da solo per la maggior parte delle persone.

Come collegare Thrive Leads al tuo autorisponditore

Thrive Leads invierà automaticamente informazioni al tuo provider di posta elettronica / autorisponditore. Il modo più semplice è utilizzare una connessione API, sebbene supporti anche i moduli HTML.

Le integrazioni API sono disponibili con tutti i principali provider di posta elettronica. Per la maggior parte dei nostri siti utilizziamo MailChimp e su alcuni Active Campaign, nel caso di questo tutorial abbiamo deciso di utilizzare Mailchimp visto che e uno dei più utilizzati.

Ancora una volta non preoccuparti se non hai competenze tecniche. Chiunque può impostare una connessione API in pochi secondi.

Fai clic sul pulsante Manage Connections nella sezione dedicata ai collegamenti API nella pagina Thrive Dasboard.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Seleziona il tuo provider di posta elettronica dall'elenco. Thrive Leads funziona con tutti i principali provider di posta elettronica e risponditori automatici che supportano le connessioni API.

Api dei fornitori di posta elettronica di Thrive Leads

Copia e incolla la tua chiave API dalla tua pagina delle impostazioni email / autorisponditore. 

Su Mailchimp devi andare alla paggina Account:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Poi dal menu Extras scegliere Api Keys:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Fondamentalmente è solo una lunga password che viene generata automaticamente. Non dare mai questo a nessuno di cui non ti fidi!

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Vedrai questa cosi se tutto e andato a buon fine.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Clicca Back to Dashboard e puoi tornare alla bacheca di Thrive Leads e inizare a usare la connessione API.

Come collegare il modulo optin alla tua lista e-Mail

Anche la connessione del modulo di optin al servizio di email marketing preferito è semplicissima. Fai clic sul modulo e trova il pulsante “Add Connection”.

Effettua una nuova connessione e scegli l'opzione API. Se hai impostato la connessione API usando i passaggi nell'ultima sezione, tutto dovrebbe essere popolato automaticamente.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Assicurati che il tuo servizio di posta elettronica sia selezionato nel primo menu a discesa. Quindi scegli la tua mailing list. Nel nostro caso, stiamo usando un elenco chiamato “TuttoWordPress” e puoi avere tutte le mailing list che desideri.

Thrive Leads Connette il modulo Optin all'elenco e-mail

Puoi anche taggare le iscrizioni da ciascun modulo in modo diverso. Questo apre alcune opzioni di targeting avanzate (se riesci a ricordare cosa significano tutte in 6 mesi). Alla fine clicca il tasto Apply e hai fatto.

Suggerimento Pro: Non essere troppo liberale con i tag. Se riempi la lista con così tanti tag, ti sarà difficile usarli o ricordare cosa significano tutti. Di solito e meglio ragionare su un sistema di tag che ti permetta di ricordarti. Per esempio qui su tuttowp dove sto impostando ora un sistema di cattura email ho intenzione di taggare in base alla categoria del contenuto dove si sono iscritti.

Come utilizzare i lead group per un targeting avanzato

Thrive Leads ti consente di scegliere come target optin specifici per segmenti del tuo sito. Mentre molte persone potrebbero accontentarsi di una percentuale di optin dell'1-2% nell'intero sito, coloro che stanno ottenendo percentuali di optin più elevate tendono ad avere un targeting più sofisticato.

Prendi ad esempio tuttowp.it. È un sito che parla di WordPres e i visitatori sono interessati a molti diversi argomenti secondari. Qualsiasi cosa, da soluzioni a problemi a temi e plugin. Quando abbiamo provato ad avere un modulo optin in tutto il sito, abbiamo ottenuto un basso tasso di conversione.

Perché? Perché visitatori diversi avevano interessi diversi.

Per risolvere questo problema, abbiamo utilizzato le opzioni di targeting di Thrive e abbiamo iniziato a creare diversi optin (insieme a lead magnet diverse) per ogni categoria. Quindi c'è un lead magnet per ogni categoria del blog più alcuni individuali.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Come puoi vedere le opzioni di targeting sono molto robuste. Puoi scegliere come target in base a categoria, tag, post specifici, pagine e molto altro. Puoi anche impostare regole di esclusione che ti consentano, diciamo, di scegliere come target una categoria ma escludere i post all'interno di quella categoria che hanno un tag WordPress specifico.

E puoi anche salvare le opzioni di targeting come modello, quindi se stai costruendo regole complesse, puoi riutilizzarle facilmente in un secondo momento. È una bella caratteristica in teoria, ma non posso dire di averla mai usata per ora.

Se inizi ad avere troppi gruppi di lead, potresti creare un po ‘di confusione. Non esiste una funzione di ricerca inversa per identificare quale lead group viene visto su un articolo o pagina. Non è un grosso problema, ma tienilo a mente soprattutto quando dai un nome ai tuoi lead group.

Mobile Vs Desktop

Un'enorme considerazione da fare riguarda il targeting mobile contro desktop. Questi due gruppi di utenti si comporteranno in modo molto diverso e vale la pena testare il modo in cui ciascuno di essi risponde (più sui test più avanti in questa recensione).

Thrive Leads ti consente di controllare quali moduli verranno visualizzati anche sul cellulare. Ma sfortunatamente, non ti consente di visualizzare solo su dispositivi mobili.

Puoi controllare se verrà visualizzato un determinato tipo di optin. E puoi controllare se apparirà sul cellulare o meno.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Assicurati di testare i tuoi moduli optin e vedere come appaiono sui dispositivi mobili poiché i moduli più lunghi possono sembrare un po ‘strani e comportare una riduzione della conversione. 

Oltre alla opzioni di visualizzazione ci sono anche opzioni nel editore per modificare il modo in quale viene visto un modulo su diversi dispositivi (desktop, tablet e mobile).

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Inoltre, ricorda che se stai utilizzando i trigger di intento di uscita, attiva SmartExit per far funzionare anche questi su dispositivi mobili.

Le statistiche e cosa NON ti dicono

Uno dei miei problemi con i miei Thrive Leads è il modo in cui mostrano i tassi di conversione.

Ad esempio, mostriamo un modulo lightbox, un modulo In Content e modulo Post Footer nel articolo. I nostri post tendono ad essere piuttosto lunghi, quindi questo non è affatto irragionevole.

Tuttavia, ciò significa che ogni visita conterà 3 impressioni. E poiché un utente può davvero convertire solo 1 volta, questo inizia a distorcere le nostre cifre.

Non è del tutto irragionevole avere le cose visualizzate in questo modo, dal momento che tecnicamente è accurato. Ma fai attenzione a come stai interpretando le tue statistiche per capire davvero cosa significano.

Come targhetizzare i visitatori e convertirli come un Professionista

Una delle cose di Thrive Leads è che ci sono alcune caratteristiche sorprendenti che sono un po ‘sepolte. Questo in particolare è qualcosa che uso per migliorare le conversioni.

Il rapporto sul marketing dei contenuti mostra il tasso di conversione per post.

Dashboard di report di Thrive Leads

Ciò che ti consente di fare è identificare i post a bassa conversione e spostarli in un altro leadgroup. In alternativa, crea un nuovo gruppo di lead con un optin specifico per quel post.

Suggerimento Pro: Utilizzalo solo sui post che ottengono una discreta quantità di traffico. Se un post ottiene 50 visualizzazioni al mese, il miglioramento della conversione dall'1% al 3% non ne vale la pena.

Fare questo periodicamente mi consente di capire davvero dove sono le opportunità e di indirizzare efficacemente quei post.

Una cosa che dirò, tuttavia, è che il caricamento del rapporto può richiedere molto tempo se si dispone di un sito di grandi dimensioni, quindi assicurarsi di essere pazienti.

Come fare test A/B in Thrive Leads

Thrive Leads è stato realizzato pensando ai test. Utilizzando l'editor drag&drop per la creazione di contenuti, Thrive Leads consente di creare un test A/B molto semplice per tutti i tipi di moduli optin. È una delle caratteristiche distintive dello strumento e sono davvero all'avanguardia rispetto alla concorrenza in questo senso.

Di norma, dovresti sempre eseguire test sui tuoi moduli. Se hai appena iniziato, puoi facilmente aspettarti di raddoppiare o triplicare i tassi di optin. Anche qui su tuttowp.it dove ho iniziato a usare Thrive Leads da non molto sto già facendo test A/B.

Come NON fare A/B test (e cosa fare invece)

Prima di mostrarti la funzionalità di test A/B, volevo prima spiegare come eseguire un test A/B.

Uno degli errori più comuni che vedo fare le persone è che costantemente fanno test A/B per la cosa sbagliata. Cambiare il colore del pulsante da verde ad arancione non sposta molto l'ago.

Potrebbe fare una piccola differenza, ma dovresti testare piccole cose come questa solo dopo aver fatto molti test sui concetti e copy.

Ho scoperto costantemente che la cosa principale che bisogna testare è la tua offerta o proposta di valore. Se hai un post sul blog sui succhi naturali e stai attualmente offrendo alcune ricette gratuite come lead magnet, inizia testando un lead magnet diverso. In questo caso, prova con un mini corso “Succhi per Dimagrire” o una “Guida definitiva all'acquisto di uno spremiagrumi nel 2020” sarebbe il test più efficace per iniziare a vedere dei risultati.

Quindi, dopo aver iniziato a identificare le esigenze sottostanti del tuo pubblico, inizia a testare diversi tipi di moduli optin l'uno contro l'altro. Ad esempio, un Screen filler lightbox con una Lightbox.

Quindi, testa le variazioni dei titoli l'una contro l'altra. A questo punto puoi anche testare trigger come caricamento della pagina, ritardo, intento di uscita ecc. Puoi iniziare a concentrarti sulle cose più piccole che vuoi testare come gli elementi di design. Thrive Leads ha una bella funzionalità per scegliere un vincitore automatico dopo che sono stati soddisfatti determinati parametri.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Assicurati di eseguire i test per un'intera settimana almeno poiché spesso scopri che il traffico può comportarsi diversamente nei fine settimana rispetto ai giorni feriali.

Ti consigliamo di eseguire i test per 14 giorni (questo aiuta anche a superare gli scostamenti per le vacanze in diversi paesi) e ad almeno 100 conversioni. Eventuali discrepanze possono distorcere i risultati in modo massiccio.

Ancora una volta se non disponi del traffico di cui hai bisogno, concentrati sul miglioramento del traffico prima di passare del tempo a eseguire test.

Un altro punto è che i test possono cambiare nel tempo. Se esegui lo stesso test 18 mesi dopo, otterrai risultati diversi in quanto il tuo traffico sarà diverso. Va bene tornare indietro ed eseguire nuovamente test di alto livello in futuro.

Due moduli optin a confronto

Testare diverse versioni di un modulo è semplicissimo, grazie al potente editor di contenuti drag & drop di Thrive Leads. Per iniziare, vai alla schermata di modifica del modulo e duplica il modulo di modifica.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Suggerimento Pro: È buona norma rinominare i moduli. Quando si avvia l'esecuzione di più test, può essere facile dimenticare quale sia quale. Questo ti evita di dover entrare e modificarlo di nuovo per scoprirlo.

Sarò onesto qui, sono abbastanza cattivo nel fare questo e chiamo i miei test “1” o “a” il più delle volte. Ci sono state alcune volte in cui ho eseguito test simili due volte per questo motivo. Non fare lo stesso errore. Dedica 5 secondi alla denominazione dei test.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

In questo esempio, cambieremo il testo del titolo.

Vecchia versione:

Test di ab lightbox

Nuova versione:

Test di ab lightbox

Qui ho semplicemente cambiato il testo. Ricorda, in Thrive Leads puoi semplicemente fare clic sul testo e iniziare a digitare per apportare modifiche. In questo modo è davvero semplice impostare dei test.

Dopo aver apportato le modifiche alla nuova versione, ricordati di salvarla e sei pronto per avviare il test. Fare clic sul grande pulsante verde “Start A/B Test” per avviare il test.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Come accennato nella sezione precedente, è buona norma assegnare un nome al test in modo da sapere di cosa si tratta in un secondo momento. È anche utile abilitare le impostazioni automatiche del vincitore. Le opzioni predefinite vanno bene qui.

Suggerimento Pro: Puoi risparmiare un sacco di tempo utilizzando il targeting che usa la concorrenza sui tuoi moduli optin. In pratica devi andare sul loro sito e vedere che tipo di lead magnet offrono loro ai visitatori. La maggior parte (ma non tutti) i siti più grandi avranno eseguito una sorta di test prima di te, quindi se inizi con quello che fanno loro, di solito puoi iniziare bene.

Test A/B fra moduli optin di diverso tipo

Un'ottima funzionalità di test aggiuntiva in Thrive Leads è la capacità di testare tipi di moduli uno contro l'altro. Ad esempio, è possibile verificare chi tra un Lightbox e un Screen filler Lightbox funziona meglio.

Nessuno dei concorrenti offre questa opzione ed è davvero un ottimo modo per migliorare i tassi di optin.

All'interno di un leadgroup, fai semplicemente clic sul pulsante di test verde come mostrato qui:

Thrive conduce tipi di test di forme uno contro l'altro

È quindi possibile scegliere quali tipi di moduli testare l'uno contro l'altro.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Tieni presente che spesso è ok avere più moduli contemporaneamente. Una barra multifunzione e un riempimento dello schermo Lightbox funzionano abbastanza bene insieme, quindi non sarebbe un buon test.

Si noti inoltre che è necessario creare e progettare effettivamente una versione di ciascun tipo di modulo optin che si desidera verificare, prima di impostare il test. Non e possibile convertire automaticamente da un tipo all'altro.

Suggerimento Pro: I moduli basati su Lightbox convertono MOLTO meglio degli altri tipi di moduli.

Lead Shortcodes

I lead shortcode sono ciò che usi per creare aggiornamenti di contenuto. Il vantaggio principale dell'utilizzo degli aggiornamenti dei contenuti è che si il modulo diventa super specifico per quel determinato contenuto. Vale la pena sottolineare che gli aggiornamenti dei contenuti funzionano in aggiunta ai normali moduli optin.

La principale differenza tra l'utilizzo di Lead Shortcode e Lead Group è che i Lead Shortcode ti consentono di aggiungere il tuo modulo optin in qualsiasi parte del contenuto che scegli. Ma devi aggiungerlo manualmente ogni volta.

Questo è perfetto se vuole usare dei moduli di optin specifici per alcuni articoli (cosa che dovresti assolutamente fare). Nel esempio qui sotto ho scelto di offrire uno sconto per chi atterà su un articolo in quale spiego come risolvere un determinato problema di WordPress:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Anche se non fornisco un PDF per fare un vero upgrade del contenuto la mia offerta e molto in target con gli articoli dove sarà mostrato questo modulo.

Creazione Di Un Upgrade Del Contenuto

Per creare un upgrade del contenuto, devi prima aggiungere un nuovo Lead Shortcode, che dovrai poi modificare in base ai tuoi bisogni. Ricorda, un Lead Shortcode non ha nessun meccanismo di targeting, questo lo decidi tu inserendo il shortcode manualmente. All'interno di questo lead shortcode, sarai in grado di creare moduli optin.

Come aggiungere un nuovo shortcode lead

Ora che sei all'interno di un Lead Shortcode, devi creare un nuovo modulo. Questo è simile al modo in cui all'interno di un Lead Group, si creerebbe un modulo optin. Fai clic su Edit e potrai scegliere tra tutta una serie di modelli.

L'approccio migliore è quello di creare un modello di modulo che utilizzerai ogni volta. Se hai centinaia di post sul blog, ci vorrà molto tempo se li crei da zero ogni volta.

Una volta che hai pronto il tuo modulo ti basterà cliccare sul icona con l'ingranaggio sopra(1) e poi cliccare Save Template(2) per salvare il tuo modulo. Assicurati di darli un nome che ti ricorda esattamente che tipo di modulo e.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Invece per aggiungere un template salvato devi scegliere l'opzione Saved Templates quando scegli il template del modulo. La prima volta la schermata della scelta del template si apre in automatico poi la puoi aprire cliccando sul icona sopra quella con l'ingranaggio (come vedi nella foto qui sopra). L'icona e una nuvoletta con una freccia.

Modelli di codici brevi

Scegli uno dei modelli optin per Thrive, modificalo con il tuo marchio e salvalo come modello. Quindi, riutilizza questo modello ogni volta che crei un nuovo aggiornamento del contenuto e modifica semplicemente il testo. Se vuoi mantenerlo semplice, inizia con uno di questi modelli multi-step:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Sono semplici e funzionano abbastanza bene sulla maggior parte dei nostri siti.

Ora che sei nell'editor del modulo, puoi prima modificare il “default state” cioè lo stato predefinito. Ecco come apparirà il modulo quando un utente lo vede all'interno di uno dei tuoi post sul blog. Assicurati quindi di modificare “Lightbox 1”:

Editor di lightbox per Thrive Leads

Questo è ciò che l'utente vede dopo aver fatto clic per la prima volta:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Consiglio vivamente di utilizzare la funzione Asset Delivery per consegnare il leadmagnet in quanto ciò ti consentirà di consegnare un file univoco, registrando comunque l'utente alla sequenza di risposta automatica principale.

Per inserire il modulo di aggiornamento del contenuto, copiare lo shortcode principale e incollarlo nel contenuto

Test A/B Degli Aggiornamenti Del Contenuto

Anche se Thrive Leads ha test A/B, di solito non vale la pena testare gli aggiornamenti dei contenuti in quanto diventa statisticamente significativo solo su post di grandi dimensioni. Su tuttowp.it, tendiamo a eseguire un nuovo test A/B su un aggiornamento del contenuto ogni volta che abbiamo un nuovo contenuto ben performante. Il vincitore di questo test diventa il nostro nuovo modello per gli aggiornamenti dei contenuti.

Blocco Dei Contenuti

I Lead Shortcode consentono inoltre di utilizzare il blocco dei contenuti. Qui è dove parte del testo / contenuto di un post o pagina del blog è nascosto o sfocato. E l'unico modo per sbloccarlo è inserire la tua e-mail e iscriverti alla lista email.

blocco dei contenuti con Lead Shortcodes

In sostanza, è solo un diverso tipo di aggiornamento dei contenuti poiché tende a essere usato per regalare contenuti extra alla fine di un post. Un buon esempio potrebbe essere un caso di studio correlato. Trovo davvero fastidioso quando i siti bloccano una parte fondamentale di un post usando questa tecnica però.

Nella nostra esperienza, il blocco dei contenuti offre un numero ridicolmente elevato di e-mail false. Poiché il contenuto viene sbloccato non appena viene inserito l'indirizzo e-mail, gli utenti inseriranno semplicemente e-mail false per sbloccarlo, anche se si dispone di un'autenticazione in due passaggi.

Questo può ostruire la tua mailing list e generalmente non è molto produttivo. È molto meglio offrire un contenuto separato e scaricabile come aggiornamento del contenuto. Anche se ovviamente, dovresti testarlo sul tuo pubblico poiché ogni sito è diverso.

Thrive Boxes

Thrive Boxes è un altro modo per attivare moduli optin basati su popup. Questa volta, sono essenzialmente collegamenti. Quando un utente fa clic su uno di questi collegamenti, viene visualizzato il popup.

Devi inserire manualmente il codice funzione per il link ogni volta che vuoi che appaia. Questo lo rende utile per l'aggiunta nei post di blog di un argomento diverso ma che fa riferimento all'argomento su cui si basa il modulo optin.

Puoi anche usare Thrive Boxes in qualsiasi menu di WordPress in modo che venga visualizzato un popup quando si fa clic sulla voce di menu. Se hai una sorta di leadmagnet per principianti, puoi inserire un link “Inizia qui” nel menu del tuo blog. Quando un utente fa clic su quel link, le caselle Thrive ti consentirebbero di servirli con un popup che richiede la loro e-mail per scaricare il lead magnet principiante.

Questo viene fatto attraverso il menu WordPress standard. Ovviamente, devi creare la Thrive Box e progettare il modulo optin prima di vederlo:

Cruscotto Thrive Boxes

È una caratteristica interessante che, onestamente, non ho usato abbastanza. 

Signup Segue

Per spiegare meglio questa funzionalità ti faccio l'esempio di un webinar.

Di solito, è così che ottieni la registrazione dei tuoi abbonati e-mail per un evento webinar:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020
  1. Si invia un'e-mail al proprio elenco, contenente un collegamento.
  2. Gli abbonati fanno clic sul collegamento che li porta a una pagina di iscrizione per il webinar.
  3. Compilano il modulo su quella pagina per registrarsi al webinar.
  4. Vedono un messaggio di conferma dal servizio webinar (e questa pagina è una pagina senza uscita sulla quale oltre la conferma non si puo fare altro).

Ci sono alcuni problemi con questo processo: in primo luogo, stiamo chiedendo al iscritto di compilare le informazioni che già abbiamo su di loro (nome e indirizzo email). Il modulo di iscrizione per un webinar è praticamente lo stesso del modulo di iscrizione per una mailing list. 

A causa di questo ulteriore passaggio, stiamo perdendo conversioni. Alcune persone non possono preoccuparsi di compilare un altro modulo o potrebbero non avere abbastanza fiducia per farlo (“a cosa mi sto iscrivendo qui?”).

E infine, stiamo sprecando molto traffico perché tutto termina in una pagina senza uscita.

Signup Segue risolve questo problema generando un link per te, che registrerà immediatamente qualsiasi abbonato che fa clic su di esso, al tuo evento webinar. Non sono necessarie pagine di iscrizione o passaggi aggiuntivi.

I collegamenti funzionano utilizzando una funzionalità supportata praticamente da ogni soluzione di email marketing: merge fields o campi di unione.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Inserendo questi campi di unione nell'URL, è possibile creare un collegamento di iscrizione individuale per ciascuno dei tuoi abbonati e i loro dettagli possono essere passati al sistema webinar senza che sia necessario compilare un altro modulo.

Ciò rende la registrazione agli eventi dei webinar molto più conveniente per i tuoi abbonati. Ma non è tutto …

Porta anche a tassi di conversione più elevati, dal momento che tutti coloro che fanno clic sul collegamento sono registrati e non vi è alcun passaggio aggiuntivo in cui è necessario convertirli di nuovo (dopo averli già convinti a fare clic su un collegamento nella propria e-mail). 

Con Signup Segue, il nuovo processo è simile al seguente:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

L'iscrizione avviene istantaneamente, in background e l'abbonato viene indirizzato a una pagina di conferma personalizzata.

Ciò significa che hai ancora l'attenzione indivisa dell'abbonato e hai il pieno controllo su ciò che viene mostrato in questa pagina.

Se vuoi solo visualizzare un semplice messaggio di conferma, puoi farlo.

Ma se vuoi sfruttare questo traffico, puoi:

  • Inserire un prodotto o servizio su questa pagina, per monetizzare.
  • Visualizzare annunci o link di affiliazione dopo il tuo messaggio di conferma.
  • Link ai tuoi ultimi contenuti del blog, per ottenere più lettori.
  • Offri un rapporto gratuito come bonus di iscrizione (anche un ottimo modo per preparare gli iscritti e entusiasmarli per il prossimo webinar).
  • Aggiungi pulsanti social e invita i tuoi iscritti a condividere la tua pagina di registrazione al webinar o seguirti sui social media.

Queste sono solo alcune idee. Senza dubbio puoi pensare a molte altre opzioni utili per la tua specifica attività commerciale e mercato.

Questa funzione di iscrizione e reindirizzamento istantanea è già tosta così com'è, ma i ragazzi di Thrive Themes hanno deciso di aggiungere anche un reindirizzamento condizionale:

Questo è il reindirizzamento condizionale:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Quando si utilizza questa funzione, è possibile definire quando si sta svolgendo e quanto tempo ci vorrà. Quindi, puoi impostare diverse opzioni di reindirizzamento per prima, durante e dopo l'evento.

Per continuare con l'esempio del webinar, ecco come potrebbe essere la tua configurazione:

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020
  1. Quando qualcuno fa clic sul collegamento Signup Segue prima dell'evento del webinar, viene indirizzato a una pagina di conferma con un promemoria sulla data e l'ora del webinar.
  2. Quando un utente fa clic sul collegamento Signup Segue durante il webinar, viene inviato alla pagina di registrazione di GoToWebinar, poiché è il modo più conveniente per partecipare a un webinar in corso.
  3. Quando un utente fa clic sul collegamento Signup Segue dopo che il webinar è già terminato, viene inviato a una pagina che inizialmente mostra un messaggio “scusa, ti sei perso” e in seguito mostra il replay del webinar (una volta caricato).

E tutto ciò accade facendo clic sullo stesso identico link, nella stessa e-mail, solo in base all'ora e alla data in cui si verifica il clic.

Il risultato finale è semplice: non un singolo clic sprecato.

Asset Delivery

Asset Delivery è un modo integrato per Thrive Leads di fornire un'e-mail di benvenuto unica insieme al tuo lead magnet. Potresti chiederti qual è il punto di ciò, quando il tuo autorisponditore può farlo?

Bene, quando inizi a offrire diversi lead magnet o upgrade del contenuto, allora le cose possono improvvisamente complicarsi nel tuo autorisponditore. Con Asset Delivery non è necessario aggiungere una nuova canalizzazione, automazione, sequenza o pagina di ringraziamento per aggiungere un nuovo aggiornamento del contenuto.

Puoi avere Thrive Leads che consegna il leadmagnet. Ciò evita anche il problema se si utilizza un autorisponditore basato su elenchi come GetResponse in cui si finisce per avere un abbonato in più elenchi contemporaneamente.

Per impostare la consegna delle risorse, è innanzitutto necessario creare un nuovo Asset Group. Fondamentalmente si tratta di impostare un servizio mail per l'invio (io userò Amazon SES), personalizzare la mail e ovviamente caricare il tuo lead magnet.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Come ti ho anticipato ci sono 3 passi per usare con successo la funzione Assets Deliivery di Thrive Leads. Una volta che clicchi il menu Asset Delivery sarai portato sulla pagina dove potrai iniziare il procedimento di configurazione.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Il primo passo ti chiede di collegarti a uno dei tanti servizi di invio mail disponibili (io ho usato Amazon SES)

Il secondo passo ti chiede ci personalizzare la mail che viene inviata (dovrai cambiare i testi da inglese a italiano).

Il terzo passo ti chiede il file che vuoi mandare via email ai tuoi iscritti.

Una volta completati sarai portato alla pagina dedicata alla funzione Asset Delivery che vedi qui sotto.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Un aspetto negativo di questa funzione è che non puoi modificare queste e-mail in modo che corrispondano alla grafica delle mail inviate dal tuo autorisponditore. Per me questo non e un problema pero per altri questo puo essere un problema.

Suggerimento Pro: Fai clic sull'icona del piccolo documento in alto a destra nella schermata Asset Groups per modificare il testo sul modello predefinito. Ti aiuterà a velocizzare il processo la prossima volta.

Editor gruppi di risorse

La cosa molto buona e che, Thrive Leads ha opzioni di consegna delle risorse in ogni sezione del plugin. Ad esempio, in qualsiasi lead group, è possibile impostare la consegna delle risorse accedendo e modificando uno dei moduli di optin. 

Thrive Leads Opzioni di consegna degli asset

Ti basterà cliccare su Advanced come mostrato nella foto qui sopra, in questo modo vedrai le impostazioni dedicata al Asset Delivery. Abilità la funzione e scegli il Asset Group che hai creato prima.

Abilita opzione consegna asset

Vale la pena di sottolineare che qui si ha realmente bisogno di utilizzare un servizio di consegna di posta elettronica, come PostmarkappMandril, Amazon SESMailgun . Altrimenti le tue email non finiranno nella casella di posta dei tuoi utenti.

Una delle maggiori inefficienze con i moduli optin è che gli abbonati li vedranno ancora. Non solo è fastidioso per loro, ma è un'occasione persa per promuovere prodotti o offerte agli abbonati.

Smart Link consente di creare un collegamento univoco che consente all'utente di visualizzare sulla pagina un diverso set di moduli optin rispetto a un normale utente.

Esistono due modi principali in quali può essere usato. Il primo è nascondere gli optin agli abbonati in modo che il sito abbia un aspetto migliore. Il secondo è mostrare agli abbonati esistenti un tipo di offerta – la nostra.

Tutti i moduli optin in Thrive Leads possono essere impostati per avere uno stato Gia iscritto.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Fondamentalmente, devi solo creare una nuova versione nell'editor (può essere totalmente diverso se vuoi). Probabilmente vorrai rimuovere i campi di iscrizione e semplicemente promuovere un'offerta con un pulsante che collega a una pagina di vendita o una pagina di affiliazione.

Inviando per e-mail lo Smart Link, possiamo impostarlo per visualizzare lo stato già abbonato solo alle persone che fanno clic su questo link. I moduli che vedono non richiedono la loro email poiché la abbiamo già. I moduli sono invece offerte di affiliazione.

La creazione di un collegamento intelligente è abbastanza rapida. Tuttavia, è innanzitutto necessario progettare un nuovo modulo per lo stato Già sottoscritto (already subscribed). È proprio come creare qualsiasi alro modulo in Thrive Leads, quindi non ti mostrerò come farlo di nuovo. Ricorda di crearlo in un modulo esistente aggiungendo un nuovo stato e selezionando “Already Subscribed” (vedi l'immagine precedente per i dettagli).

Per creare un collegamento intelligente, vai su “Funzioni avanzate” e seleziona “Collegamenti intelligenti”

Come creare Smart Link

Inizia decidendo dove vuoi inviare i tuoi visitatori. Di solito si tratta di un post sul blog, quindi seleziona il tipo “Post” e inizia a digitare il titolo del post. Ci vogliono alcuni secondi per arrivare, ma è abbastanza bravo a trovarlo al primo tentativo.

Come creare Smart Link

Per i passaggi 2 e 3, devi pensare a quali gruppi di lead influenzeranno il tuo post. Ho sperimentato la creazione di lead group specifici per gli articoli su tuttowp.it. Il pericolo qui è che puoi creare rapidamente troppi gruppi di lead per ricordare cosa fa ogni uno di questi. Quindi è importante non lasciare che le cose diventano troppe caotiche.

In generale, ti consigliamo di mantenere le opzioni predefinite e scegliere come target tutti i moduli sul tuo sito.

Per il passaggio 4, assicurarsi di selezionare la seconda opzione per visualizzare lo stato “Already subscribed” del modulo. L'altra opzione è nascondere tutti i moduli. A volte lo useremo se abbiamo un post di alto valore che non abbiamo monetizzato e stiamo solo cercando di offrire valore ai nostri abbonati.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Per i passaggi 2 e 3, devi pensare a quali gruppi di lead influenzeranno il tuo post. Il pericolo qui è che puoi creare rapidamente troppi gruppi di lead per ricordare cosa sta succedendo. Quindi è importante non lasciare che le cose diventino troppo ingombranti.

In generale, ti consigliamo di mantenere le opzioni predefinite e scegliere come target tutti i moduli sul tuo sito.

Per il passaggio 4, assicurarsi di selezionare la seconda opzione per visualizzare lo stato “Already Subscribed” del modulo. L'altra opzione è nascondere tutti i moduli. Per i 5 e ultimo passaggio ti fanno scegliere il tempo per il quale sarò valido. Anche qui sono diverse opzioni da 1 volta sola (only once), finche il visitatore chiude la finestra del browser (until the visitor closes the browser tab), un periodo di tempo predefinito (a custom period of time) o per sempre (For as long as possible).

Come creare Smart Link

Alla fine della configurazione, viene fornito lo Smart Link da utilizzare.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Non è un grosso problema, ma è un po ‘frustrante che non vengano mai salvati e devi ricrearli manualmente ogni volta. Forse pensavano che la gente avrebbe creato troppi Smart Link e sarebbe stata ingombrante. Ma ad essere sinceri, lo stesso problema esiste con tutte le altre opzioni di targeting di Thrive Leads. Non c'è davvero un buon modo per organizzarli.

Spero che questo sia qualcosa che verrà migliorato nelle versioni future. 

I rapporti di Thrive Leads

Se hai letto fino a questo punto congratulazioni, sono sicuro che hai imparato molto su ciò che Thrive Leads può fare. Continua a prestare attenzione a questa parte però. La sezione Rapporti non è solo un modo per visualizzare i tassi di conversione. I rapporti in Thrive Leads possono darti alcune informazioni davvero utili.

Ad esempio, puoi capire quali post del blog all'interno di un gruppo di lead ottengono basse percentuali di optin e creare un nuovo gruppo di lead con un'offerta o focus diversi, solo per quelli. Lo uso molto sui miei siti ed è il modo in cui so su quale area lavorare in seguito.

Per quanto buona sia, la reportistica è anche una delle parti peggiori di Thrive Leads. Non a causa di ciò che è nei rapporti. Ma a causa dei colossali tempi di caricamento. Ho appena cambiato appartamento e il mio nuovo posto ha Internet molto lento (13 Mbit).

Mi occorrono 47 secondi per estrarre il Rapporto sul marketing dei contenuti degli ultimi 7 giorni per tuttowp. E ci sono solo 38 record in esso. Con il rapporto annuale i tempi sono molto lunghi.

Inoltre, non è possibile esportare i dati come CSV, quindi a volte può essere impossibile dire cosa sta succedendo quando si hanno molti dati sullo schermo contemporaneamente ed è tutto sovrapposto.

Detto questo, la maggior parte degli altri rapporti si carica in un tempo abbastanza ragionevole. Per accedere all'area dei rapporti, fai clic sul pulsante “Lead Reports” nella parte superiore destra di Thrive Leads. 

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Una volta cliccato sarai portato sulla pagina dei rapporti, tieni presente che ci sono molti rapporti disponibili. Ti basta cliccare sulla freccetta come indicato nel immagine qui sopra per vedere tutti i rapporti disponibili.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Diamo un'occhiata a cosa puoi fare con questi rapporti:

Rapporto Sulle Conversioni (Conversion Report)

Questo mostra il numero di lead generati per sorgente, per un periodo di tempo. Una fonte può essere un gruppo di contatti, un codice funzione o una casella Thrive.

Rapporto di conversione di Thrive Leads

Come lo uso: non lo facciamo. Non ti dirà nulla di utile a causa della natura di come vengono calcolati i tassi di conversione su Thrive Leads. Molte pagine possono avere più moduli optin e contare più impressioni, ma su una sola conversione. Questo inclina il tasso di conversione verso il basso a meno che tu non ne abbia uno solo per pagina (il che è una cattiva idea e comporterà meno conversioni.

Rapporto Sulle Conversioni Cumulative (Cummulative Conversion Rate Report)

Questo mostra gli stessi dati del Rapporto sulle conversioni, tranne per il fatto che li conta cumulativamente nell'intervallo di date che hai scelto.

Rapporto sulle conversioni di generazione cumulativa di lead

Come lo uso: trovo che sia più utile per fare analisi di un intervallo di date specifico rispetto al rapporto di conversione. Osservando l'intervallo finale, posso vedere chiaramente quanti lead effettivi ha generato ciascuna delle fonti. Molto utile per guardare le cose alla fine di ogni mese di calendario per tenere traccia delle prestazioni mensili.

Rapporto Di Confronto (Comparison Report)

Si tratta di un semplice rapporto che mostra la percentuale di lead generati da ciascun Lead Group o modulo individuale

Rapporto di confronto di Thrive Leads

Come lo uso: questo rapporto non è così utile come sembra e lo guardo raramente. Sebbene sia utile confrontare i Lead Group e i moduli uno con l'altro, puoi farlo solo in percentuale. Sarebbe stato bello poter visualizzare sia le percentuali che il numero totale di lead generati. Utilizzando insieme il rapporto sulle conversioni cumulative e il rapporto di confronto, è possibile ottenere tali informazioni.

Crescita Elenco (List Growth Report)

Questo rapporto mostra il numero totale di opt-in su base giornaliera (o altro intervallo) in tutti i opt-in. Mostra anche quanti erano nuovi lead e quanti erano conversioni. Esistono sempre più conversioni che lead, poiché alcuni lead optano per più moduli.

Il migliore plugin per catturare email su WordPress nel 2020

Come lo uso: non lo uso spesso. Trovo che il rapporto sulle conversioni sia più approfondito in quanto suddiviso per fonte. Non posso intraprendere molte azioni se guardo il rapporto Crescita elenco e vedo un calo delle conversioni o dei lead. Dovrò scavare più a fondo per capire cosa sta succedendo.

Crescita Dell'elenco Cumulativo (Cumulative List Growth Report)

Questo è simile al rapporto Crescita elenco, tranne per il fatto che i numeri sono cumulativi.

Crescita dell'elenco cumulativo

Come lo uso: lo guardo una volta al mese per vedere le prestazioni del mese di calendario. Non credo che ci siano troppe intuizioni da trarne, oltre alla crescita complessiva dell'elenco per il mese.

Rapporto Di Referral Dei Lead (Lead Referral Report)

Questo ti mostra quali lead sono stati generati da ciascun URL di riferimento al di fuori del tuo dominio.

Rapporto di referral dei lead

Come lo uso: onestamente, non l'ho mai usato. Poiché tuttowp.it si concentra fortemente sulla SEO, tutti gli URL di riferimento della ricerca sono piuttosto dispersi. Ne hai uno per Google di ogni paese, poi un altro per Android ecc. Non mi dice molto.

Dove questo sarebbe utile è se stavi lavorando con molti guest post. 

Rapporto Sul Monitoraggio Dei Lead

Questo rapporto utilizza collegamenti di tracciamento (come quelli che imposterai per Google Analytics) per definire specifiche fonti di traffico e mostrarti come si traducono in lead.

Come lo uso: di nuovo, essendo onesto qui, non lo uso davvero. In futuro lo userò sicuramente, dovrà essere bello avere la flessibilità se avessi mai bisogno di un tracciamento più robusto su determinati collegamenti.

Rapporto Sul Marketing Dei Contenuti (ORA Puoi Prestare Attenzione!)

Ok, fino ad ora, i report sono stati in qualche modo utili ma non esattamente una caratteristica distintiva dello strumento. Il rapporto sul marketing dei contenuti è diverso!

Ti mostra i lead generati per post (o pagina) in un periodo di tempo specifico. Questo è estremamente utile da capire. Perché? Perché aiuta a capire dove è necessario agire per ottimizzare la generazione di contatti.

Thrive conduce il rapporto sul marketing dei contenuti

Come lo utilizzo: lo utilizzo per segmentare i lead group e trovare nuove idee potenziali per nuovi lead groups.

Ogni sito dovrebbe avere almeno un Lead Group generale (o ‘Main' come lo abbiamo chiamato) che copre tutto ciò che non è coperto da un Lead Group più specifico. Utilizza il Rapporto sul marketing dei contenuti per identificare post con scarso rendimento e creare gruppi di lead specifici nei loro confronti.

Conclusione: Dovresti Acquistare Thrive Leads?

Accidenti ci è voluto un po ‘di tempo per mettere insieme. Quindi la linea di fondo è, dovresti comprare Thrive Leads ?

Se ricevi più di 200 visitatori giornalieri sul tuo sito, sì, assolutamente dovresti. È di gran lunga il più economico plugin per catturare email dal tuo sito WordPress e nella maggior parte dei casi supera i suoi concorrenti in termini di funzionalità.

Per ricapitolare, con Thrive Leads, ottieni:

  • Un plugin WordPress di prim'ordine per raccogliere e-mail
  • Centinaia di modelli di moduli optin divisi in vari tipi
  • Un editor di modelli con trascinamento della selezione
  • Funzionalità di test A / B avanzata
  • Opzioni di targeting sofisticate per mostrare i tuoi moduli optin
  • Invio dei tuoi lead magnet grazie al Assets Delivery
  • Signup Segue per iscrizioni con un clic
  • Personalizzazione della visualizzazione

Odio dare l'impressione di essere commosso nella mia recensione, ma ottieni tutto questo per $ 67 una tantum. Nient'altro si avvicina nemmeno in termini di valore. È difficile NON fare un ROI con un investimento così piccolo.

Se vuoi vederlo in azione, fai clic qui per accedere al loro sito. Se avete domande, non esitate a chiedermi nei commenti qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su